0

Asus ha presentato ufficialmente il ROG RAIDR, che verrà immesso sul mercato nel mese di maggio. Il ROG RAIDR è un SSD con interfaccia PCI-Express che è orientato, più che ai videogiocatori, come potrebbe far suggerire il branding ROG, ad un pubblico professionale. Infatti questo dispositivo va incontro alle necessità di coloro che hanno bisogno di maggiore velocità, oltre il limite dell’attuale interfaccia SATA3 a 6Gb/s. E in attesa delle nuove interfacce SATA Express, la soluzione di Asus potrebbe essere un’ottima soluzione.

asus-rog-raidr-02_t.jpg.pagespeed.ce.b525249v_l

Stando ad alcune specifiche circolanti nel web, ROG RAIDER avrà sul PCB memoria NAND Flash a 19nm, prodotta da Toshiba. Queste NAND si avvarranno di due controller SandForce SF-2281. L’SSD sarà dotato di interfaccia PCI-Ex 2.0 x2. Sono implementati i comandi TRIM, NCQ e SMART, nonostante la configurazione in RAID 0 dell’SSD. Saranno disponibili due modelli, uno da 120GB e l’altro da 240GB. I prezzi non sono definiti al momento, ma si parla di 170 e 290 dollari rispettivamente.

asus-rog-raidr-03_t.jpg.pagespeed.ce.d_HB9mINwS

I prezzi elevati sono giustificati perchè, rispetto ad un tradizionale SSD SATA offre prestazioni maggiori, circa 765MB/s in lettura e 775MB/s in scrittura per quello da 120GB e 830MB/s e 810MB/s per lettura e scrittura rispettivamente per la versione da 240GB.

asus-rog-raidr-01_t.jpg.pagespeed.ce.5dvWCX7JKU

Le prestazioni sono quindi molto più elevate rispetto agli SSD in vendita su interfaccia SATA3. Si parla inoltre di letture e scritture casuali 4K di oltre 100.000 IOPS.