0

Introduzione

Arctic Cooling è un’azienda specializzata nella produzione di materiale di alto livello per gli enthusiast dei computer, produce dissipatori per processori e schede video, case, alimentatori home entertainment pc e tanto altro ancora… Il principale obiettivo di quest’azienda è produrre materiale di ottima qualità ma commercializzandolo ad un prezzo più competitivo possibile.
Oggi andremo a recensire e testare a fondo l’Arctic Accelero S1 Plus, dissipatore passivo di fascia media per schede vide

Confezione e Bundle

Il dissipatore è contenuto in una confezione da blister in solida plastica trasparente, è possibile vederlo in tutti i particolari con un colpo d’occhio. Nella parte posteriore della scatola sono enunciate tutte le features del prodotto, vi è una lista delle schede compatibili ed è presente una parte trasparente che lascia intravedere la base di contatto del dissipatore.
La scatola può essere aperta senza doverla tagliare (molto comodamente), il bundle è piuttosto ricco e comprende:

  • Accelero S1 Plus
  • Manuale d’installazione
  • Colla termo conduttiva G1
  • Dissipatori per mosfet
  • Dissipatori per ram
  • Spatola per la stesura della pasta termica
  • Viti per il fissaggio
  • Distanziali da 2.5mm e 4mm
  • Dischetti

Specifiche tecniche

  • Heatpipe Ø 6 mm x 4
  • Heatsink Material Aluminum fins x 32, thickness 0.4 mm
  • Dimensions (Product) 230 (L) x 135 (W) x 42 (H) mm
  • Dimensions (Packaging) 278 (L) x 194 (W) x 46 (H) mm
  • Net Weight 410 g
  • Limited Warranty 6 years
  • Accessories
  • Heatsink 12 pcs
  • Screw (M2) 4 pcs
  • Washer 4 pcs
  • Spacer (3.5 mm) 4 pcs
  • Spacer (4.0 mm) 4 pcs G-1
  • Thermal Glue (1.5 g Grey Compound) 1 bag G-1
  • Thermal Glue (1.5 g White Compound) 1 bag
  • Mixing Wand 1 pc
  • VGA Bracket 1 pc
  • itemnumber DCACO-V470001-BL UPC 0872767004658
  • Gross Weight 0.92 kg

Compatibilità
Questo prodotto è dedicato alla fascia media del mercato, agli amanti del silenzio e ai costruttori di HTPC. La compatibilità è molto molto estesa, e comprende schede video AMD e Nvidia di fascia bassa, media e medio-alta come ad esempio HD6870 e Nvidia GTS 450.

Ci è giunta in redazione la notizia che questo dissipatore srà compatibile anche con le nuove vga di fascia media AMD Radeon della serie 7xxx in particolare 7870, 7850, 7770 e 7750.
Ecco la lista completa

Il dissipatore nel dettaglio

Analizziamo ora nel dettaglio il dissipatore, esso ha dimensioni molto generose: 230(L)*135(W)*42(H) ed un peso di 0.4Kg. Nascendo come dissipatore passivo esso funziona senza l’ausilio di ventole e si caratterizza per la sua estesa superficie di scambio; che indica migliori performance. La base di contatto con la GPU è di rame, su di essa è preapplicato uno strato di pasta termo conduttiva Arctic MX-4, una delle migliori attualmente sul mercato.

Saldati nella base vi sono i quattro heatpipes, anch’essi in rame del diametro di 6mm, che si irradiano nell’array di alette; ricordiamo che gli heatpipes hanno al loro interno un fluido refrigerante che al contatto col calore evapora e fa migrare il vapore verso la parte più fredda, qui questo condensa e torna alla parte calda. Questo sitema migliora notevolmente le prestazioni dei sistemi di raffreddamento ad aria.

Esteticamente parlando, l’Accelero S1 Plus si presenta abbastanza elegantemente, è presente un bordino in plastica lucida lungo il perimetro che gli dona un tocco di classe.
L’azienda ha ben pensato di produrre un particolare optional per questo dissipatore: S1 Turbo Module, un modulo per rendere questo dissipatore “attivo”. Questo modulo comprende una ventola che va fissata al corpo dissipante per migliorarne ulteriormente le prestazioni. Ovviamente gli utenti non sono obbligati a comprarlo, potrebbero anche utilizzare delle ventole scelte da loro in base alle loro necessità.

Installazione

Installare questo dissipatore sulla scheda video non è stato affatto un problema.
–    Come prima cosa abbiamo smontato il dissipatore originale Sapphire Ultimate e l’abbiamo rimosso

–    Abbiamo pulito la gpu da eventuali resti di pastatermoconduttiva

–    Abbiamo applicato i quattro distanziali in gomma in corrispondenza dei fori da usare

–    Abbiamo applicato i 4 dischetti isolanti ed abbiamo avvitato le 4 viti. Ed il gioco è fatto.

Ecco il risultato ottenuto

 

Sistema di prova

  • CPU Intel Core I5 2500K @ 3,7Ghz
  • Motherboard Asus P8P67 Evo
  • Ram G.Skill RipjawsX 1600MHz 7-8-7 1.5V
  • VGA Sapphire HD 6570 Ultimate GDDR3 1024MB
  • Raffreddamento VGA Arctic Accelero S1 Plus
  • Raffreddamento CPU AC Arctic Freezer 13
  • Alimentatore Cooler Master Silent Pro M 700W
  • Case Xigmatek Utgard Window
  • S.O. Windows 7 Ultimate 64 bit

Software utilizzati

  • Stress Test Furmark
  • Rilevamento temperature GPU-Z

Metodologia di test
Per i test abbiamo utilizzato una Sapphire HD 6570 Ultimate, dotata di dissipatore passivo, progettato dalla stessa Sapphire, ricordiamo che questo dissipatore è utilizzato su più modelli di fascia media (6670, 5670).

Nella prima parte dei test abbiamo rilevato le temperature in Idle, in utilizzo quotidiano (browser, chat, mail), nella seconda parte abbiamo messo a dura prova il sistema di raffreddamento stressando tramite un apposito programma la GPU per farla lavorare al 100%. Entrambi i dissipatori sono passivi e quindi non dotati di ventola, abbiamo poi provato ad abbinare una normale ventola da 120mm ai due dissipatori ed abbiamo rilevato nuovamente le temperature.
Infine abbiamo abbinato una ventola ad altissime performance prodotta da Delta Electronics, con dimensioni di 120*120*38 e regime di rotazione di 3700rpm, ed abbiamo eseguito nuovamente i test in idle e full con scheda pesantemente overclockata.

Risultati ottenuti

 

Come si vede dal grafico, le differenze di temperature tra il dissipatore Sapphire Ultimate e l’Accelero S1 Plus sono abissali, in full abbiamo 40°C di differenza e in idle ben 13°C. La grande superficie dissipante e i quattro heatpipes in rame svolgono il loro lavoro in maniera egregia, garantendo temperature basse.

 

 

In questo grafico sono riportate le temperature ottenute abbinando ai due dissipatori una normale ventola da 120mm (Noctua NF F12 PWM). Le differenze non sono più evidenti come nel caso precedente ma non sono certamente trascurabili: 9°C in full e 2°C in idle.

 

 

Il terzo grafico riporta le temperature ottenute con scheda overclcokata da 650/800 @ 845/1040MHz equipaggiata con Accelero S1 Plus e una ventola Delta ad altissimo flusso d’aria. Le temperature sono incredibilmente basse, 31°C in full e soli 26°C in idle, oseremmo dire da raffreddamento a liquido.
Ovviamente questo terzo grafico, andrebbe preso come un puro esercizio di stile in quanto usare una ventola del genere in daily è impensabile, il rumore è insostenibile, potrebbe però far comodo a chi ama fare benchmark (come noi 😛 ).

In questo screen invece vediamo lo stress test furmark in esecuzione, nella parte inferiore vi è il grafico delle temperature. Nella prima parte abbiamo usato la ventola Delta, le temperature erano di circa 30°C, nella seconda parte le temperature cominciano a salire in quanto la ventola è stata spenta. Come vediamo il dissipatore anche nelle situazioni più spinte riesce a stabilizzare senza problemi le temperature.

Conclusioni

Il dissipatore fin da subito ci ha impressionati in maniera positiva, possiamo dire che sia stato amore a prima vista. Durante l’installazione, fatto in poco più di 5 minuti, non abbiamo incontrato problemi di alcun tipo, il manuale spiega molto chiaramente quali sono i passaggi da effettuare. Durante i test abbiamo evinto le performance decisamente migliori del dissipatore Sapphire in Idle ma soprattutto in utilizzo estremo. Ovviamente lo scenario proposto durante l’utilizzo di Furmark è irraggiungibile nemmeno con videogames pesanti o applicazioni 3D professionali.

Le prestazioni sono ulteriormente migliorate con l’aggiunta di una ventola che ha ridotto le temperature di altri 5-10°C circa in idle/full pertanto non possiamo che consigliare questo dissipatore a tutti gli amanti del silenzio che lo useranno passivamente e, allo stesso tempo, agli amanti delle performance levate, overclock e gaming che lo useranno in maniera “attiva”.

PRO

– Ottime performance sia in modalità “passiva” che “attiva”

– Facilità d’installazione

– Prezzo “onesto”

CONTRO

– Le dimensioni potrebbero causare problemi

Si ringrazia Arctic per averci fornito il sample in esame

 

About The Author
Rocco Eduardo Battista
Nato a Bitonto (BA) a partire dal 2009 ho cominciato ad interessarmi di Informatica, soprattutto hardware e overclocking.