0

Introduzione

Noctua proviene da una collaborazione tra Rascom Computerdistribution Ges.mbH e Kolink International Corporation, messe in comune più di dieci anni di esperienza nello sviluppo, produzione e commercializzazione di componenti high-end di per il raffreddamento dei computer. Fondata nel 2005, Noctua è subito diventata una tra le aziende più amate dagli enthusiast per i suoi prodotti di alto livello ma soprattutto sempre silenziosi. Nella recensione di oggi analizzeremo tre ventole: NF-P12, NF-B9 e NF-R8 dotate tutte di controllo PWM.

Confezione e Bundle

Le tre ventole sono commercializzate nella classica confezione da blister in cartone, di colore marrone/beige/blu. Nella parte anteriore delle confezioni sono esplicati i punti di forza delle ventole, è ben visibile anche il “bollino” che attesta il supporto al controllo via PWM, di cui queste ventole sono dotate. Nella parte posteriore abbiamo le specifiche tecniche e una descirzione in più lingue del contenuto. Aprendo il “magico sportello”, nella parte posteriore della scatola, possiamo vedere grafici e comparative che illustrano le potenzialità delle 3 ventole.


Il bundle è decisamente ricco, esso comprende:

  • NF-P12/NF-B9/NF-R8
  • 4 viti in gomma per il fissaggio
  • 4 viti in ferro
  • Low Noise Adaptor
  • Extension cable
  • Cavo a Y

Specifiche tecniche

Le ventole viste da vicino


Cominciamo con la descrizione dettagliata di queste tre ventole.
Tutte e tre le ventole sono accomunate dal fatto di essere PWM, alimentate tramite connettore a 4-pin. Ad occuparsi di ciò c’è il particolare chip NE-FD1 PWM IC. Questo differisce dagli altri in quanto manda alla ventola un alimentazione commutata in maniera più precisa ma soprattutto più dolce, con una sinusoide più arrotondata.


Questa caratteristica può sembrare ininfluente, ma ovviamente non lo è: con un normale commutatore PWM la ventola riceve degli impulsi a scatto che la portano ad avere una certa coppia, ma a scatto. A lungo andare il motore della ventola si rovina, ma c’è di più, infatti ai bassi regimi le normali ventole PWM emettono uno strano ronzio e, agli ingegneri Noctua che sono fanatici del silenzio, questo non andava a genio. Hanno così adottato questo chip che da impulsi in maniera più lineare e non emette strani ronzii ai bassi regimi. Infine anche l’assorbimento energetico risulta ridotto, tutti i modelli di ventole PWM consumano meno dei corrispondenti tradizionali.


La NF-P12 PWM ha dimensioni di 120*120*25mm. Utilizza un design a 9 pale, studiato appositamente per ottenere un’alta pressione statica unito ad un buon flusso d’aria. La serie di ventole “P” è appunto progettata per essere usata con i dissipatori, in questo utilizzo il flusso d’aria incontra una certa resistenza dovuta alle alette di dissipazione. Se la pressione statica non è sufficientemente elevata le prestazioni non saranno soddisfacenti. Questo obiettivo è stato raggiunto grazie all’ausilio dei VCN, Vortex Control Notches, presenti sulle estremità delle pale della ventola. Queste appendici aerodinamiche aiutano a “focalizzare” il flusso d’aria e a non disperderlo.


Il regime di rotazione massimo specificato è di 1300rpm e abbiamo rilevato una velocità effettiva, alla velocità massima, di 1267 rpm. Anche al massimo la ventola risulta leggermente rumorosa (19,8 dB), nel contesto del case il suo rumore è sicuramente coperto da ventole con regime di rotazione più alto, come ad esempio quella di una scheda grafica sotto stress.


La NF-B9 PWM ha dimensioni di 92*92*25mm. Utilizza il classico numero di pale ovvero 7. Anche in questo caso alle loro estremità vi sono le appendici aerodinamiche che focalizzano il flusso d’aria. La velocità di rotazione dichiarata è di 1600rpm, rilevata di 1620 circa. Anche a massima velocità la ventola è inudibile, la rumorosità dichiarata è di 17,6dB(A).

Questa ventola date le sue compatte dimensioni risulta perferra per impieghi “medi”, come ad esempio per raffreddare dissipatori di piccole dimensioni sia per CPU che per VGA che per Chipset.

La NF-R8 PWM è la piccola della famiglia, con dimensioni di 80*80*25m e possiede 7 pale. In questo modello la geometria delle pale è semplice, non vi sono particolari appendici. Questa è la ventola più silenziosa della serie benchè abbia il numero di rpm più elevato, si parla di 17,1 dB a 1800rpm. Tramite software abbiamo rilevato una velocità di 1780 rpm circa.


Essendo la ventola molto compatta si appresta ad essere utilizzata per raffreddare in maniera mirata alcuni componenti, come ad esempio le ram. E’ anche ottima in case di fascia medio-bassa che non presentato predisposizioni per ventole più grandi.

Tutte e tre leventole utilizzano il sistema SSO-Bearing. SSO-Bearing è l’acronimo di Self Stablished Oil-Bearing, questo sistema non utilizza cuscinetti tradizionali a sfere al suo interno bensì l’olio. Ovviamente l’olio, a pressione, esercita un attrito notevolmente minore rispetto alle sfere presenti nei cusicnetti; il rumore è decisamente inferiore anche col passare del tempo, si riducono inoltre anche i consumi e le vibrazioni. Il problema delle vibrazioni è tenuto a bada ulteriormente dal sistema Self-Stablished. Questo innovativo sistema funziona grazie a dei magneti, che generando un campo magnetico, stabilizzano l’asse del motore.
Un’altra caratteristica comune alle ventole, è la loro struttura in plastica di colore beige. Durante l’utilizzo abbiamo avuto modo di notare la solidità delle ventole nonché la loro qualità costruttiva e cura in ogni minimo particolare: dalle pale al cavetto di alimentazione sleevato.

Hw Master Fan Review Charts ©
HwMaster è lieto di presentare a tutti i suoi lettori il nuovo metodo di valutazione delle ventole introducendo il nuovissimo “HwMaster Fan Review Charts©”

Il nuovo metro di valutazione è più completo e permette di valutare le ventole sotto tre aspetti fondamentali durante la scelta:

  • Efficienza energetica (consumi). Sono messi in rapporto il consumo e la velocità di rotazione.
  • Efficienza acustica (rumorosità). Sono messi in rapporto il rumore e la velocità di rotazione.
  • Efficienza aerodinamica (flusso d’aria). Sono messi in rapporto il flusso d’aria e la velocità di rotazione.

Ovviamente ci saranno categorie in base alle dimensioni delle ventole (140, 120, 92, 80 …).
Così facendo l’utente potrà capire meglio quale ventola si addice alle sue richieste.

Come si vede dai grafici sopra riportati, la Noctua NF-P12 PWM è tra le migliori per quanto riguarda le prestazioni, ed è in assoluto la migliore per quanto riguarda i consumi energetici. Il consumo di questa ventola può essere quasi trascurato. L’unico neo, se così vogliamo chiamarlo, è rappresentato dall’efficienza acustica che non è il punto forte di questa ventola. Ricordiamo ovviamente che 19,8 dB sono un valore molto basso.

Efficienza energetica al top per l NF-B9 PWM, migliorata col nuovo chip di gestione. Ottimi anche gli altri due parametri.

Efficienza energetica al top per l NF-R8 PWM, migliorata col nuovo chip di gestione. Ottimi anche gli altri due parametri.

Conclusioni

Con la nuova famiglia di ventole PWM, Noctua ha dotato arricchito tecnicamente le sue gia ottime ventole. I consumi sono stati ridotti visibilmente e c’è tutta la comodità del PWM.

Consigliamo queste ventole a chiunque voglia raffreddare in maniera efficiente il proprio computer, sena rinunciare al silenzio.

La NF-P12 PWM è ottima con dissipatori e radiatori, o come ventola per case, la NF-B9 PWM è una ventola destinata all’utilizzo su dissipatori per cpu di dimensioni inferiori o su dissipatori per vga, la NF-R8 PWM è perfetta per raffreddare in maniera concentrata un determinato componente (ram, chipset, vrm).

I prezzi, in apparenza elevati, sono giustificati dal bundle ricco e dalla qualità costruttiva.

PRO

  • Prestazioni
  • Consumi ridotti
  • Rumore
  • Bundle

CONTRO

  • Nulla da segnalare

Si ringrazia NOCTUA per aver fornito i sample per la recensione.

 

About The Author
Rocco Eduardo Battista
Nato a Bitonto (BA) a partire dal 2009 ho cominciato ad interessarmi di Informatica, soprattutto hardware e overclocking.